Cover di "Anima di Poesia" di Emanuele Marcuccio

Anima di Poesia

Prefazione di Luciano Domenighini, Postfazione di Natalia Di Bartolo, Quarta di copertina di Lorenzo Spurio, TraccePerLaMeta, Sesto Calende, 2014, pp. 80, ISBN: 9788898643080.

Poesia nitida, chiara, coinvolgente per il tentativo di scalare la montagna della vita e carpirne da là gli orizzonti più lontani: [...] l’attenzione per il figurato, per l’essenzialità della forma, per un crescendo di stilemi che diano corpo ad un sentire generoso e gorgogliante. [...] Emanuele sa e ne è cosciente che la parola non arriverà mai a ritrattare a pieno l’immensità dello spirito umano; per questo le assegna un compito determinante, incisivo, evolutivo, diacronico: prolungarne il senso oltre la sintassi, oltre il valore canonico e storico-linguistico, con invenzioni morfologiche e neologiche di grande maturazione personale. Un climax che denota una volontà di azzardare oltre, con l’uso di geminatio, enjambements, iterazioni, anastrofi, sinestesie, metonimie, anacoluti, percorsi anaforici, accentuazioni verbali in contesti di estrema densità emotivo-paradigmatica; una concretezza lirica e una asciuttezza verbale di polisemica vis creativa. D’altronde la poesia è un continuo sforzo di cospirazioni iperboliche per avvicinare il più possibile il linguismo alle grandi fughe dell’essere, e dell’esistere; per renderlo fedele esecutore degli intenti emotivi. [...] Sì, il sintagma, la parola, il verbo vòlti a combaciare gli input esistenziali [i]n questa evoluzione sistematica di intensificazioni verbali, di assemblaggi lessicali, di accentuazioni sintagmatiche che dànno forma al logos di una versificazione in cui l’ieri, l’oggi e il domani si embricano indissolubilmente per ovviare alle ristrettezze del tempo. [Nazario Pardini, Emanuele Marcuccio, Anima di Poesia, in L’arrivista. Quaderni democratici (anno V, Nr. 1), Villasanta (MB), Limina Mentis, 2015]